Gli Stati Uniti d’America stanno vivendo un periodo di basse temperature da record (polar vortex), anche in quelle regioni dove non dovrebbe esserci freddo. Ma cosa può aver causato tali cambiamenti climatici e cosa ci si deve  aspettare?

Tutto ciò è dovuto al fatto che l’incredibile clima dell’Artico è letteralmente sfuggito alla sua prigione atmosferica, nella quale è concentrata la maggior parte del freddo della Terra dirigendosi verso gli Stati dell’America centrale e orientale. Il tempo nel paese si é quindi decisamente capovolto.

L’aria gelida è infatti solitamente “bloccata” nell’Artico in un vortice polare concentrato attorno ai poli, in questo caso attorno al Polo Nord. Quando il vortice si indebolisce, si comporta come l’acqua nel crollo di una diga, ma solo che invece di essere liquida è aria e arriva con un impatto di freddo elevatissimo.

Per gli Stati, Uniti questo è un fenomeno insolito,  non in termini di basse temperature, ma di durata del raffreddamento. Secondo l’US National Oceanic and Atmospheric Administration, nell’ultima settimana di dicembre 2018, più di 1600 record di temperatura sono stati raggiunti. Chicago, per esempio, è stata ribattezzata “Chiberia” (dall’inglese, Siberia e Chicago).La temperatura nella città è scesa sotto i meno 30 gradi.

Fondamentalmente,  il fenomeno generato dal vortice polare colpisce gli Stati Uniti. Mentre la parte continentale del paese è coperta di ghiaccio, nel resto del mondo la temperatura è addirittura leggermente più alta del solito. Il 1 ° gennaio 2019, la temperatura media del mondo era di 0,9 gradi in più e la temperatura dell’Artico era di almeno sei gradi, secondo l’Institute for Climate Change dell’Università del Maine.

Cosa ha causato il movimento del vortice polare? Questa domanda è ora un argomento che accende il dibattito tra gli studiosi. Molto probabilmente, la ragione del movimento del vortice polare è una miscela di cambiamenti climatici, provocata dall’uomo, e la sua variabilità naturale.

 I cambiamenti climatici non hanno reso il vortice polare più estremo, ma, a giudicare dalla ricerca, a causa del riscaldamento globale, l’aria artica può “scendere” oltre il territorio statunitense per periodi più lunghi.

Naturalmente, sorge la domanda: come può essere così freddo durante il riscaldamento globale? Per cominciare, l’aria artica è ancora molto fredda, quindi i cambiamenti atmosferici che consentono all’aria di spostarsi verso sud continueranno a provocare un brusco abbassamento della temperatura. Inoltre, non dovremmo confondere il tempo con il clima, che, di fatto, determina l’abitabilità di una particolare area per molti anni.