Home Epidemie CORONAVIRUS, numerosi lavoratori cinesi confermano che il bilancio delle vittime è molto...

CORONAVIRUS, numerosi lavoratori cinesi confermano che il bilancio delle vittime è molto più elevato

3
0

I media cinesi hanno riferito che i corpi vengono bruciati senza effettuare alcun tipo di registrazione. Yang afferma che il bilancio delle vittime è di oltre 300. Ciò confermerebbe i sospetti che il dott. Cavadas ha denunciato circa la mancanza di trasparenza da parte del governo cinese.

Diversi lavoratori del crematorio della città in cui il coronavirus ha avuto origine, Wuhan (Cina), affermano che i  corpi vengono inviati dagli ospedali senza registrarli , qualcosa che confermerebbe i sospetti del dott. Cavadas, il quale ha denunciato la mancanza di trasparenza delle autorità cinesi. Finora 305 sono i decessi segnalati dalla Cina a causa di questo virus , una cifra che molti specialisti considerano bassa considerando la facilità di infezione e l’aggressività di esso.

   
La Cina ha riportato i progressi del coronavirus da quando sono sorti i primi casi, ma molte autorità sono  preoccupate che il paese asiatico stia mentendo sul numero effettivo di decessi dovuti  al virus. William Yang, corrispondente del giornale Deustche Welle nell’Asia orientale, ha riferito a una stazione radio della Nuova Zelanda che diversi  media cinesi  hanno già riferito del presunto occultamento da parte del governo, bruciando i corpi dei defunti infetti senza averli precedentemente registrati. Pertanto, se questi presupposti sono corretti , molti cadaveri verrebbero cremati senza essere identificati e verificare la vera causa della morte o dare la possibilità di informare i loro parenti. “Ci sono almeno più di 30 corpi che non sono stati perseguiti“, afferma Yang a questi media, assicurando che  il numero effettivo di morti sia superiore a 300.

Il motivo per cui il governo cinese sta nascondendo il bilancio delle vittime, secondo Yang, è perché  vogliono evitare di diffondere il caos su questo virus  che ha già infettato circa 14.637 persone in tutto il mondo. Assicura inoltre che sia a causa dell’eccesso di prenotazioni che stanno soffrendo gli ospedali locali che devono elaborare rapidamente casi di persone decedute. Il numero di persone infette da coronavirus, quindi, potrebbe anche essere maggiore di quello che si sa al momento,  “quindi ci sono ragioni per rimanere scettici su ciò che la Cina ha condiviso con il mondo, perché sebbene siano state trasparenti circa alcune cose legate al virus rimangono incomplete e inaffidabili sotto altri aspetti “, afferma il corrispondente nel suo account Twitter.

La Cina, che ha adottato misure estreme per prevenire la diffusione del virus,  ha messo in quarantena oltre 50 milioni di persone  nella città di Wuhan e nella provincia di Hubei, il centro del nuovo focolaio di coronavirus che si ritiene abbia avuto origine in un mercato di animali selvatici.

Diversi paesi stanno già avviando le procedure per il rimpatrio dei loro cittadini che si trovano nel paese asiatico per poterli curare nei rispettivi paesi, ma la  Cina avverte di questa decisione che garantisce che possa essere tremendamente pericolosa a  causa dell’elevato livello di contagio.

Earth-chronicles