cambiamento climatico

Entro la fine del XXI secolo, il livello del mare potrebbe aumentare di 80 centimetri!

Il livello mondiale dell’oceano può salire in media di dieci metri prima della fine del XXII secolo e fino a un metro entro la fine di questo secolo.

Lo spiega Alexey Kokorin, direttore del WWF Russia Climate Program.. In precedenza è stato riferito che uno studio pubblicato sulla rivista Nature, prevede lo scioglimento dei ghiacci della Groenlandia e dell’Antartide, che porterà a condizioni meteorologiche estreme e temperature imprevedibili in tutto il mondo.  Secondo il modello, il più rapido aumento del livello dell’acqua avverrà tra il 2065 e il 2075.

“Negli ultimi anni sono apparsi un bel po ‘di lavori scientifici, che indicano che entro la fine del 21 ° secolo il livello degli oceani aumenterà di circa un metro. Nel migliore dei casi, nel 22 ° secolo, l’innalzamento del livello degli oceani si fermerà a un metro, ma ci sono stime da tre a cinque metri. I voti massimi dicono circa dieci metri nel 22-23 ° secolo “, ha detto Kokorin.

Allo stesso tempo, secondo le previsioni del quinto rapporto di valutazione dell’Intergovernmental Panel on Climate Change, pubblicato nel 2013, entro la fine del XXI secolo, il livello del mare dovrebbe aumentare di 80 centimetri.

Come ha sottolineato l’esperto, l’innalzamento del livello degli oceani è permesso dal fatto che la calotta glaciale della parte occidentale dell’Antartide, sarà interrotta dagli iceberg. Inoltre, l’oceano si riscalda in modo non uniforme e l’acqua si espande dal calore.

“È importante capire che questo metro sarà distribuito in modo molto disuguale: nei tropici è un metro e mezzo, e nelle latitudini temperate e nel nord è due volte meno, cioè 50 centimetri. Su questo, il movimento delle placche tettoniche può anche essere sovrapposto: il Golfo di Botnia aumenterà “, ha aggiunto Kokorin.

L’innalzamento del livello del mare nel 21 ° secolo diventerà un problema per le isole degli atolli e per lo stato di Kiribati, che, secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale, dura da 30 a 60 anni. Inoltre, entro il 2100, le aree pianeggianti del Bangladesh e del Sud-Est asiatico, dove vivono circa 100 milioni di persone, potrebbero essere esposte a catastrofiche inondazioni.

“St. Pietroburgo sta affrontando un aumento di 50 centimetri sul livello del mare entro la fine del 21 ° secolo, ma la città potrebbe doversi preoccupare molto nel 22 ° secolo. Sarà sollevata la questione della conservazione del patrimonio culturale “, ha detto la fonte dell’agenzia. Venezia e Amsterdam affronteranno lo stesso problema in Europa.

SHARE
RELATED POSTS
Divulgatore scientifico avverte del “Futuro Catastrofico” che può essere causato dal Cambiamento Climatico
CLIMATE ALERT: l’Artico perde il 20% del suo ghiaccio marino nell’ultimo decennio
L’emisfero settentrionale ha vissuto l’estate più calda mai registrata

Comments are closed.