Terremoti, eruzioni vulcaniche e carestia sarebbero alcune conseguenze della minima attività solare. e la NASA avverte di probabili conseguenze catastrofiche per il mondo intero.

Tra la lotta contro la  pandemia di coronavirus , anche il futuro a medio e lungo termine sembra desolante. Alla crisi sanitaria senza precedenti con  oltre 4,4 milioni di persone infette e quasi 300 mila morti in  tutto il mondo, si aggiungono gravi problemi economici, occupazionali e persino sociali.

Ma non tutte le preoccupazioni derivano da Covid-19 su un  pianeta altrimenti convulso , poiché i cambiamenti climatici e le catastrofi naturali non fanno parte dell’Apocalisse. I processi che la Terra sta attualmente vivendo sono correlati soprattutto a ciò che accade con il Sole e la  NASA ha già espresso preoccupazione.

Il centro della terra ha subito negli ultimi anni un processo noto come  “minima attività solare” . Cosa significa? Implica che la nostra stella non ha presentato alcun tipo di macchia solare ed entra in un processo di “profonda recessione” che si traduce in un grande cambiamento nella sua attività magnetica, spiegano gli specialisti.

L’astronomo Tom Phillips ntervistato dal tabloid inglese The Sun, dice che questa “attività solare minima” potrebbe portare conseguenze  catastrofiche per l’umanità. “Le ultime registrazioni delle sonde eliosferiche  e relative al Sunspot, suggeriscono che è uno dei più profondi dell’ultimo secolo. Il campo magnetico del Sole si è indebolito,  consentendo un aumento ulteriori di raggi cosmici  nel sistema solare “, spiega l’astronomo.

Dopo la minima attività solare indicata dall’astronomo Tom Phillips,  le conseguenze potrebbero manifestarsi come  drastici cambiamenti climatici , terremoti, eruzioni vulcaniche, tornado e uragani potenti e carestia . Questa situazione, che nessuno nel mezzo di questa crisi di coronavirus vuole immaginare, la confronta con la scarsa attività solare che si è verificata in altri secoli, più precisamente tra il 1790 e il 1830.

In quest’ultimo periodo di bassa attività solare, noto come minimo di Dalton, ha generato uno stadio di temperature globali inferiori alla media e l’eruzione più aggressiva del vulcano Tambora . Le previsioni della NASA per il prossimo ciclo solare rivelano che sarà il  più debole degli ultimi 200 anni , il 2020 è il secondo anno consecutivo di un numero (negativo) record di macchie solari.