Home Catastrofe NaturaleTerremoti ISRAELE: sciame sismico in Galilea, cosa li provoca?

ISRAELE: sciame sismico in Galilea, cosa li provoca?

by Red Alert
0 comment

Secondo un nuovo studio, i recenti terremoti che hanno colpito la Galilea sono stati probabilmente causati dall’estrazione accelerata delle falde acquifere intorno al Lago Kinneret.

Gli sciami sismici erano situati a circa cinque chilometri dalla parte settentrionale della faglia di trasformazione del Mar Morto, nota anche come faglia del Mar Morto, che corre dal Golfo di Aqaba alla Turchia orientale e costituisce il confine tra la Placca Araba e la placca del Sinai.

Secondo i ricercatori del Geological Survey di Israele e delle università della California e di Miami, i terremoti hanno corrisposto ai due periodi più rapidi di riduzione delle acque sotterranee nella regione, negli anni 2007-2013 e 2016-2018. I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Geophysical Research Letters.

“Il calendario degli sciami di terremoti è particolarmente interessante alla luce della storia idrologica della regione”, hanno detto i ricercatori, tra cui Nadav Wetzler ed Eyal Shalev del Geological Survey of Israel.

Mentre il Mare di Galilea era la fonte di un terzo delle acque domestiche in Israele, negli anni ’90 i forti ribassi del livello dei laghi hanno causato la caduta dei tassi di pompaggio dei laghi di 500 milioni di metri cubi all’anno a 60 mcm / anno negli ultimi anni. Una risorsa alternativa è stata l’acqua freatica nelle falde acquifere intorno al lago, specialmente nel nord-ovest.

Al momento del terremoto del 2018, l’estrazione continua delle acque sotterranee,  ha comportato una riduzione totale del livello dell’acqua di circa 50 metri. Gli sciami di terremoti si trovavano a 2-10 km. dei pozzi di pompaggio.

“Sebbene ci siano molti esempi di subsidenza dovuta all’eccessiva estrazione delle acque sotterranee, ci sono pochi casi in cui l’estrazione delle acque sotterranee ha scatenato terremoti”, hanno detto i ricercatori. I dati di falde acquifere, deformazioni e sismiche analizzati qui implicano che l’estrazione delle acque sotterranee sta producendo sciami di terremoti lungo il fallimento della trasformazione del Mar Morto del Nord … ». La storia geologica della faglia unita alla vicinanza alle aree popolate suggerisce che il futuro pompaggio nella regione dovrebbe essere attentamente monitorato ».

Le testimonianze archeologiche e geologiche nel nord di Israele indicano che il segmento del Lago Kinneret nella trasformazione del Mar Morto si è rotto più volte dall’età del ferro, compresi i grandi terremoti del 1202 e 1759.

Nel 1927, un grande terremoto di 6,2 gradi sulla scala Richter scosse il nord del Mar Morto. Conosciuto come il terremoto di Gerico, il crollo sismico ha ucciso 500 persone e ne ha ferite altre 700. Gli esperti stimano che un grande terremoto sia statisticamente dovuto a Israele ogni 80-100 anni, quindi ora è dovuto un altro grande evento.

Un rapporto del 2016 del sottocomitato di preparazione al fronte interno del Comitato per gli affari esteri e la difesa della Knesset rivelava che se Israele fosse stato colpito da un terremoto di magnitudo 7,5, sarebbero morte circa 7000 persone, altre 8.600 sarebbero rimaste ferite e 377.000 sarebbero senza tetto. Inoltre, il paese potrebbe subire danni fino a 200.000 milioni di NSI. Secondo l’autorità nazionale di emergenza, Israele ha 80.000 edifici, tra cui scuole e ospedali, che hanno più di tre piani e sono stati costruiti prima del 1980, il che li rende inadatti secondo gli attuali standard di durabilità sismica.

Related Articles

Informativa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679. Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie nel rispetto della privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy