I team di ricerca cinesi sono riusciti a creare un “sole” artificiale, meglio conosciuto come Tokamak Superconductor Experimental Advanced (EAST), che è in grado di superare le temperature di 100 milioni di gradi Celsius. Gli Istituti di scienze fisiche Hefei dell’Accademia cinese delle scienze hanno annunciato martedì che gli elettroni del suo “sole” hanno raggiunto quella magnitudine calorica quest’anno, nel corso di un esperimento di quattro mesi.

Mentre la temperatura del nostro sole raggiunge al centro circa 15 milioni di gradi Celsius, l’analogo artificiale cinese “brucia” a 100 milioni di gradi.

“L’EAST, soprannominato sole artificiale cinese, ha raggiunto oltre 100 milioni di gradi di temperatura nella sua campagna sperimentale di quattro mesi questo 2018. EAST è il primo tokamak completamente superconduttore con una sezione trasversale non circolare nel mondo. È stato costruito dalla Cina con lo scopo di affrontare le questioni scientifiche chiave per l’applicazione dell’energia da fusione “, si legge nella nota.

L’obiettivo di questo dispositivo, che raggiunge una temperatura ancora maggiore di quella del nucleo del Sole reale, è studiare la fusione nucleare per usarlo un giorno come fonte di energia alternativa. L’energia ottenuta dalla fusione nucleare potrebbe essere pulita, a differenza della fissione dell’energia nucleare, che lascia rifiuti tossici.