L’accumulo di neve in Antartide nel XX secolo ha mitigato l’innalzamento del livello del mare di circa 10 millimetri dal 1901,  ma non è in grado di compensare l’attuale perdita di ghiaccio dovuta ai cambiamenti climatici.

L’aumento delle precipitazioni nevose in Antartide nel  corso del XX secolo ha mitigato la perdita di ghiaccio e il conseguente innalzamento del livello del mare , ma ora il ghiaccio aggiuntivo accumulato grazie alla neve può compensare solo un terzo dell’attuale perdita di ghiaccio, come rivelato dalla NASA in uno studio pubblicato sulla rivista Nature Climate Change. 
Gli autori del principale studio sono il glaciologo della NASA Dr. Brooke Medley, e il suo collega del British Antarctic Survey, Elizabeth Thomas, hanno analizzato 53 carote di ghiaccio antartiche e rifatto l’analisi di tre modelli climatici sulla base di osservazioni satellitari. In questo modo, hanno scoperto che l’accumulo di neve era aumentato nel 20° secolo,  mitigando l’innalzamento del livello del mare di 10 millimetri dal 1901.

“I nostri risultati non significano che l’Antartide è in crescita:  ancora perde il suo ghiaccio, anche con la nevicata aggiuntiva”, ha detto Medley, aggiungendo che “questi aumenti senza neve, ci avrebbero sperimentato una maggiore innalzamento del livello del mare nel ventesimo secolo.”

Il video della NASA include una simulazione grafica delle nevicate nel corso del 20 ° secolo, con aree in cui nevicava meno nelle aree rosse e blu dove c’era un maggiore accumulo di neve.

Nei risultati dello studio, i ricercatori hanno visto che  l’aumento della neve era coerente con il riscaldamento dell’atmosfera , che contiene più umidità, insieme con i cambiamenti dei venti circumpolari dell’Antartide da ovest che sono legati al buco dell’ozono.