Home Epidemie L’OMS mette in guardia da un’altra ondata mortale di Coronavirus in Europa

L’OMS mette in guardia da un’altra ondata mortale di Coronavirus in Europa

0
0

Il direttore dell’OMS per l’Europa Hans Kluge, non esclude che un secondo focolaio possa coincidere con quello di altre malattie infettive, come l’influenza stagionale o il morbillo.

I paesi europei devono essere preparati per una possibile seconda ondata di infezioni da coronavirus, probabilmente più mortale, perché la pandemia non è finita. Ciò è stato avvertito in  un’intervista  a The Telegraph dal direttore per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Hans Kluge, che ha ricordato ai paesi che stanno iniziando ad allentare le restrizioni, che ci troviamo in “un momento di preparazione, non di celebrazione ».


Kluge ha sottolineato e avvertito che, sebbene il numero di casi covidi-19 in paesi come Regno Unito, Francia e Italia stia cominciando a diminuire, ciò non significa che la pandemia stia finendo.  L’epicentro dell’epidemia europea è ora nell’est, con una crescita del numero di casi in Russia, Ucraina, Bielorussia e Kazakistan.

Secondo Kluge, i paesi dovrebbero approfittare di questo periodo e iniziare a rafforzare i sistemi sanitari pubblici, rafforzando anche le capacità negli ospedali, nelle cure primarie e nelle unità di terapia intensiva.

D’altra parte il direttore OMS èer l’Europa non esclude la possibilità che una seconda ondata epidemica possa  coincidere con uno scoppio di altre malattie infettive . “Sono molto preoccupato per una doppia ondata: in autunno potremmo avere una seconda ondata di covid-19 e un’altra di influenza o morbillo stagionali”, afferma lo specialista.

Kluge ricorda anche che, come è accaduto nel corso della storia, i paesi che non sono stati colpiti da una pandemia fin dall’inizio, possono essere colpiti in una seconda ondata epidemica. Cosa vedremo in Africa e in Europa orientale? Alcuni paesi dicono: “Non siamo come l’Italia” e poi, due settimane dopo, boom! “, Il direttore dell’OMS per l’Europa ha detto che questi paesi” possono essere colpiti da un seconda ondata virale da Covid-19″, quindi – sottolinea – ” dobbiamo stare molto molto attenti “.

“Niente è cambiato”

Kluge ha anche osservato che in assenza di trattamento antivirale , qualsiasi sollievo dalle restrizioni dovrebbe essere fatto “gradualmente e con attenzione”. “La gente pensa che la chiusura sia finita. Nulla è cambiato “, ha ammonito, aggiungendo che” deve essere presente l’intero pacchetto di controllo delle malattie “, che è” il messaggio chiave “. Infine, il capo regionale dell’OMS ha sottolineato che la salute dovrebbe ora essere ” in cima all’agenda politica”, poiché “dove non c’è salute, non c’è economia”.