Un grande incendio è scoppiato nella zona di esclusione di Chernobyl – il sito dove è avvenuto il peggiore disastro nucleare nella storia dell’umanità.  L’incendio ha colpito una foresta a circa 20 chilometri di distanza dalla centrale nucleare.

L’incendio  è iniziato domenica, secondo quanto riportato dal servizio di emergenza ucraino in una dichiarazione. Il fuoco ha poi raggiunto una foresta nei pressi del villaggio abbandonato di Bychki situato a circa 24 km (15 miglia) dal reattore nucleare danneggiato.

Ben 5 ettari (12 acri) di foresta sono andati in fiamme. Tre veicoli antincendio e 18 membri dell’equipaggio di emergenza sono stati inviati per affrontare l’incendio, secondo la dichiarazione del servizio di emergenza.

La zona di esclusione di Chernobyl, un’area pesantemente contaminata dal disastro, ha più volte assistito a incendi negli ultimi anni. Un grande incendio è scoppiato nel giugno 2018. Un altro incendio, che ha bruciato 25 ettari di terreno,  nel 2017. Mentre la combustione di possibili legni e arbusti radioattivi potrebbe rilasciare nell’atmosfera alcuni prodotti di combustione pericolosi, la dichiarazione rilasciata dai funzionari ucraini non menziona rischi di questo tipo, almeno per ora.