Scienze

Scoperta in Canada una nuova specie fossile del Cambriano. Tra queste una misteriosa creatura dall’aspetto alieno!

Nel Parco Nazionale di Kootenay in Canada, un gruppo di paleontologi  riportano alla luce dopo mezzo miliardo di anni, dei carapaci appartenenti ad un fondo oceanico scomparso, donando così alla scienza una nuova specie.

I “carapaci, sono stati riversati fuori dalle rocce del parco, dove il team di Caron ha passato gli ultimi anni alla ricerca di antichi fossili animali, appartenenti al periodo Cambriano, iniziato circa 540 milioni di anni fa.

 La lastra contenente i fossili, è stata trovata in una piccolissima cava, arroccata su una sporgenza, adun’altitudine di 2500 metri, molto al di sopra del Tokumm Creek.  Per anni, un sito altrettanto impegnativo a circa 40 chilometri a nord-ovest di questa valle, offriva la più chiara finestra sul Cambriano: nel 1909, il paleontologo americano Charles Doolittle Walcott scoprì il Burgess Shale, una formazione fossile che preserva non solo gusci duri, ma anche elementi morbidi come le gambe, gli occhi e le viscere dei “Cambrian-crawlies”.

Altri siti in tutto il mondo aprono delle nuove prospettive del Cambriano: gli scienziati possono ora, studiare i fossili, grazie all’utilizzo di nuove tecnologie di imaging e studi genetici e di sviluppo degli organismi viventi.  Ci sono state una miriade di nuove scoperte“, afferma il paleontologo Doug Erwin del National Museum of Natural History della Smithsonian Institution a Washington

 I fossili di Burgess Shale sono così preziosi che il parco del Canada mantiene segrete le posizioni esatte dei siti di Caron e le controlla con telecamere, contro  i bracconieri fossili. Questo fossile sembra unico nel suo genere:”Sarà iconico“, dice Caron. “È il fossile più straordinario che abbia mai trovato.”

Fonte

SHARE
RELATED POSTS
Una nuova visione dell’alba dell’era dei dinosauri: i paleontologi fanno una grande scoperta
La Cina crea un “Sole artificiale” che ha 7 volte la temperatura interna della nostra stella
I geni del cervello umano potrebbero spiegare le malattie psichiatriche

Comments are closed.